Brucella abortus Cassetta

01 Overview

A&B Rapid Test Brucella abortus Cassetta è un test rapido immunocromatografico a flusso laterale per la determinazione qualitativa degli antigeni di Brucella abortus in campioni di sangue intero, siero o plasma umani, come ausilio nella diagnosi di infezione da brucellosi.

Il test fornisce un risultato analitico preliminare ed una metodica di analisi chimica alternativa deve essere utilizzata al fine di poter confermare il risulto preliminare: l’anamnesi clinica ed il giudizio professionale devono essere applicati ad ogni risultato ottenuto con un test rapido, specialmente nei casi in cui insorgano risultati positivi preliminari.

A&B Rapid Test Brucella abortus Cassettaè destinato all'uso professionale diagnostico in vitro, incluso il cosiddetto point of care, e può essere utilizzato come ausilio per la predisposizione di programmi terapeutici da parte del medico.

Il test si può interpretare visivamente, senza il necessario ricorso a strumentazione aggiuntiva, sulla base della comparsa o meno di determinate linee di rilevazione che possono comparire nelle deputate regioni del test.

02 Details

Le brucelle sono cocco-bacilli gram negativi, acapsulati, asporigeni, immobili, aerobi facoltativi; devono il loro nome a David Bruce, medico a capo della spedizione verso Malta dove venne per la prima volta isolato e descritto il batterio.

Esistono differenti specie di brucella, sei tra esse sono trasmissibili all’uomo ed ognuna di esse colpisce principalmente alcune specie di animali:

  • Brucella melitensis – colpisce prevalentemente i caprini in cui causa aborto; è patogena anche per l’uomo, per il quale costituisce l’agente eziologico prevalente in Italia e in tutto il bacino del Mediterraneo
  • Brucella suis colpisce i suini, in cui causa aborto, così come nei roditori
  • Brucella canis – causa aborto nelle femmine del cane e infezioni nell’apparato genitale dei maschi; può colpire occasionalmente anche l’uomo, ma i casi riferiti si manifestano esclusivamente in persone addette alla cura di animali infetti
  • Brucella ceti e Brucella pinnipedialis colpiscono gli animali marini
  • Brucella abortus – causa aborto nei bovini ed è la specie più diffusa nel mondo a causa della vasta distribuzione dei bovini

Le brucelle sono le responsabili di una grave zoonosi con notevoli impatti sociali ed economici: la brucellosi, o febbre maltese, malattia infettiva a lento decorso, che insorge dopo un periodo di incubazione di 1-6 settimane. 

Generalmente l’uomo si può infettare in tre modi: attraverso cibi o bevande contaminati, per inalazione, tramite piccole ferite sulla pelle. Di queste sicuramente la prima è la via più comune, essendo il batterio della brucellosi presente anche nel latte degli animali infetti e contagiando l’uomo a seguito di consumo di formaggi o latte contaminati. La seconda via di contagio, quella per inalazione, riguarda soprattutto le persone che svolgono determinate occupazioni, in particolare quelle che lavorano in laboratori dove vengono coltivati questi batteri. Invece il contagio attraverso piccole ferite della pelle può riguardare categorie come i veterinari o gli allevatori, tramite il contatto di materiale organico infetto, come placente o feti morti. I batteri una volta penetrati attraverso le lesioni della cute o le mucose, sfruttano le vie linfatiche per raggiungere il sangue e poi si diffondono nell’organismo, installandosi nelle cellule del sistema reticoloendoteliale e mostrando particolare predilezione per fegato, linfonodi, milza, midollo osseo e rene.

Le brucelle danno patologie acute, subacute o croniche. 

I sintomi sono vari e simili a quelli dell’influenza: febbre, mal di testa, mal di schiena e debolezza. Possono tuttavia manifestarsi anche pericolose infezioni al sistema nervoso centrale e in alcuni casi si hanno cronicizzazioni, caratterizzate da febbri ricorrenti, stati di affaticamento, dolori alle articolazioni. 

La brucellosi è presente in tutto il mondo, ed in particolare nei paesi del Mediterraneo, in India, nei paesi mediorientali, nell’Asia centrale e in America Latina. Sebbene la brucellosi umana sia una di quelle malattie a denuncia obbligatoria, in diversi paesi il numero dei casi segnalati non riflette appieno quello delle persone contagiate. L’Organizzazione Mondiale della Sanità stima che ogni anno la vera incidenza sia da 10 a 25 volte superiore a quella ufficiale.  Nei paesi del Mediterraneo e mediorientali l’incidenza annuale di brucellosi umana varia da un minimo di 1 a un massimo di 78 casi per 100 mila persone. Nelle aree endemiche, dove non sono state applicate misure di controllo, invece si arriva anche a 550 casi per 100 mila persone. 

Esistono differenti metodologie analitiche per raggiungere una diagnosi di infezione da brucellosi: 

  • il test di laboratorio denominato Reazione di Wright, nel quale si ricercano nel sangue dell’individuo anticorpi specifici diretto contro gli antigeni di Brucella
  • esame colturale del sangue, prima in terreni liquidi e quindi in terreni solidi, e l’utilizzo di test di agglutinazione con sieri specifici
  • test ELISA diretti alla ricerca delle IgG e IgM specifiche

Tutte queste metodologie possono non essere disponibili in ogni situazione e, inoltre, richiedono tempo per raggiungere una diagnosi, ritardando di fatto l’applicazione di un piano terapeutico volto al controllo dei sintomi; A&B Rapid Test Brucella abortus Cassetta consente la rilevazione qualitativa degli antigeni di Brucella abortus in campioni di sangue intero, siero o plasma umani con un elevato livello di sensibilità e minimizzando al massimo i tempi di fruizione della risposta analitica. 

PRODOTTO
A&B Rapid Test Brucella abortus Cassetta
CODICE ARTICOLO A CATALOGO AB-BRUCE
CODICE GIVD (EX-EDMA) 15.70.01.90
Other bacteriology – RT & POC
CODICE CND W0105090199
Batteriologia – Test Rapidi e Point of Care – Altri
NUMERO REPERTORIO da assegnare